Home Page del Comune Clicca per approfondimenti

Clicca per visualizzare la guida alla navigazione
 
 

TERRITORIO

 

in evidenza

 

Risorse

 

 
Sei in: - STORIA - Sintesi storica

Sintesi storica
Testo a cura di Angelo Melchiorre  maggiori info autore

Di Balsorano (denominata, appunto, Vallis Sorana) si comincia a parlare già nel X secolo, data la frequente presenza benedettina nella zona. Nel "Catalogo dei Baroni" (sec.XII), Balsorano è indicata come "feudo di quattro soldati", soggetto al conte Ruggiero di Albe. Dal XIII al XV secolo, dunque, la storia di Balsorano si identifica con quella della contea di Albe, da cui tuttavia si stacca dopo la sconfitta di Ruggierone nel 1463, essendo Balsorano (insieme con Celano) passata in feudo ad Antonio Piccolomini.
 
 Panoramica su Balsorano
 
L'ultimo barone (Tiberio Piccolomini Testa) perde il feudo nel 1806 e i suoi beni vengono acquistati dal francese Carlo Lefebvre, "il fondatore dell'industria meccanica nella Valle del Liri", intorno al 1850.
 
Creata Comune nel 1809, Balsorano comprende anche le frazioni di Rendinara, S.Giovanni e Roccavivi; ma la prima, nel 1816, passa sotto Civita d'Antino (e successivamente sotto Morino) e le altre due sotto S. Vincenzo Valle Roveto.
II 5 ottobre 1860 sosta in Balsorano il colonnello borbonico Lagrange, e nel 1861 vi stazionano in permanenza soldati piemontesi a cavallo, impegnati nella lotta contro il brigantaggio. L'occupazione dura almeno fino al 1868, anno in cui lo stesso generale Pallavicino è costretto a fare sosta in Balsorano.

 
 

 
Sei in: - STORIA - Sintesi storica

Territorio

 
 


Team sviluppatori
| Grafica e Redazione | Copyright